Potenza da città “cultura” a città “voragine”