La solennità evocativa di Mauro Masi