Confrontiamoci! Inizia un utile confronto tra i commercialisti lucani. Nuove prospettive di crescita per privati e imprese.

“Confrontiamoci!”…I quattro tipi di ammortamento e le principali agevolazioni

I liberi professionisti della Basilicata – ed in particolar modo del capoluogo – hanno deciso di unirsi. “Confrontiamoci!” questa l’esortazione e la base di un ormai strutturato pensiero proprio di molti commercialisti

“Sarebbe utile un confronto tra colleghi circa le dinamiche per svolgere a pieno questa professione. Auspicabile che tale modalità di operatività tra i colleghi si possa portare avanti nel tempo”.

Lo ha affermato Giuseppemario Pisani, candidato presidente della lista “Unione nella Professione”.

“Solo uniti nella professione possiamo diventare il cambiamento che vogliamo vedere”.

Al di là del motto e della libertà di scegliere una lista o un’altra è stato offerto uno spunto interessante. Si promuove il valore dell’unione, e della collaborazione tra colleghi. Da tale suggestione un ciclo di webinar dal titolo “Confrontiamoci”.

Già il 18 dicembre 2020 un primo incontro completamente diverso dai tanti webinar di quest’anno.

Il contenuto è prettamente tecnico frutto della pratica, dell’esperienza professionale. Dalla pratica alla “teoria” o meglio alla gestione delle normative e dei vari bandi. E non dalla teoria all’utopia.

In più i vari temi sono trattati da liberi professionisti che realmente operino sul campo. E che abbiano già posto in pratica quanto affermano, traendo insegnamento dalle diverse realtà che si siano frapposte davanti.

L’evento ha trattato le principali agevolazioni regionali e nazionali ed in particolare sono stati analizzati i quattro tipi di iperammortamento.

Primo e secondo iperammortamento per gli investimenti a partire dal 2018 e fino al 31 dicembre 2020.

Il primo iperammortamento prevede che siano agevolabili gli investimenti in beni materiali fino al 31.12.2019. Solo se entro il 31.12.2018 risulti verificata l’accettazione dell’ordine da parte del fornitore. Con inoltre il versamento di un acconto maggiore o uguale del 20% del costo di acquisizione. Tale normativa prevede una maggiorazione del costo pari al 150% a prescindere dall’entità dell’investimento (pertanto si parla di 250% indipendentemente dall’importo complessivo dell’investimento). L’art.7 del D.L. 87/2018 prevede infine il recupero del beneficio in caso di cessione o delocalizzazione degli investimenti.

Confrontiamoci!

In virtù del secondo iperammortamento sono agevolabili anche gli investimenti in beni materiali effettuati nel 2019. Senza accettazione dell’ordine e acconto al 31.12.2018. Ovvero fino al 31.12.2020 se entro il 31.12.2019 risulti verificata l’accettazione dell’ordine da parte del fornitore. CIò con il versamento di un acconto maggiore o uguale del 20% del costo di acquisizione. In questo caso la maggiorazione è variabile a seconda dell’ammontare complessivo dell’investimento, premiando maggiormente i piccoli investimenti.

Terzo e quarto iperammortamento inerentemente agli anni 2020 -2023.

Circa il terzo tipo di iperammortamento è previsto un riconoscimento del credito di imposta. Ciò per gli investimenti in beni strumentali materia tecnologicamente avanzati come da allegato A della L.232/2016. Per investimenti in altri beni strumentali materiali diversi da quelli ricompresi nel citato allegato A è riconosciuto un credito di imposta. Nella misura del 6% nel limite massimo dei costi ammissibili pari a 2 milioni di euro. Le fatture e gli altri documenti relativi all’acquisizione dei beni agevolati devono contenere espresso riferimento alle disposizioni. In particolare dei commi da 184 a 194 dell’art.1 della L. 60/2019. Riconosciuto credito di imposta anche a certi beni strumentali immateriali funzionali ai processi di trasformazione 4.0 secondo allegato B Legge n.232/2016.

Inoltre il credito d’imposta è cumulabile con altre agevolazioni che abbiano ad oggetto i medesimi costi. Nei limiti massimi del raggiungimento del costo sostenuto. Si applica agli investimenti effettuati a decorrrere dal 1 gennaio 2020 e fino al 31 dicembre 2020. Ovvero entro il 30 giugno 2021. Se entro il 2020 il relativo ordine risulti accettato dal venditore. E con avvenuto pagamento di acconti in misura almeno pari al 20% del costo di acquisizione.

Infine il quarto iperammortamento, proposta 2020_2023. Due anni di stabiità e credito retroattivo. Credito d’imposta al 50%, maggiori agevolazioni anche per il software; riduzione dell’intervallo temporale per la compensazione e maggiore burocrazia nella segnalazione. Queste le linee fondamentali.

Una materia complessa, in definitiva, quella delle agevolazioni. Confrontiamoci! Attraverso l’unione e soprattutto il confronto tra le brillanti menti dei liberi professionisti in Basilicata non potranno che nascere soluzioni nuove. Applicazioni efficaci che portino alla crescita ed allo sviluppo delle imprese nel territorio lucano.

Maria Chiara Di Carlo

Articoli correlati

http://www.knos.it/content/chi_siamo

http://www.lucanianet.it/news/2020/11/08/bonus-mobilita-varie-le-possibilita/

0 Comments

Leave a reply

associazione - progetto - collabora - identificati - note legali - privacy - contatti

Associazione Lucanianet.it c/o Broxlab Business Center | P.zza V. Emanuele II, 10 | 85100 Potenza tel.+39 0971.1931154 | fax +39 0971.37529 | Centralino Broxlab +39 0971.1930803 | ­www.lucanianet.it | info@lucanianet.it Testata Giornalistica registrata al tribunale di Potenza n° 302 del 19/12/2002 | ­C.F. 96037550769 Invia un tuo contributo tramite bonifico bancario alle seguenti coordinate IBAN : IT 31 E 08784 04200 010000020080

Log in with your credentials

Forgot your details?