La “nuda ambizione” (naked ambition) imbarazza il popolo inglese e statunitense che rimane provato, agli arrivi a Fiumicino, alla visione della “bella vista” di morbide forme femminili che pubblicizzano una valigia o una nuova tariffa telefonica. Donne messe alla mercé in un Paese maschilista che sembra tornare al suo stato primordiale di uomo padrone e donna oggetto. Un’Italia, insomma, che secondo l’eccellente FT fa un passo indietro ai tempi del Medioevo e cancella a colpi di scollature e glutei in mostra, anni di battaglie, repressioni e conquiste.

«Il movimento femminile – continua – non ha mai spinto per riforme strutturali». Nel Belpaese, conclude Michaels, essere donna significa ancora «dolore e sofferenza (un riferimento agli ospedali che rifiutano l’epidurale), maternità e pasta, banche chiuse (simbolo dei servizi che ignorano i bisogni delle lavoratrici)». Italia divisa tra mamme/casalinghe frustrate alla presa con gnocchi e pannolini e ragazzine prive di cervello e qualità intellettive, ma sicuramente cariche di tutti gli attributi necessari per dar modo ad un rispettabile giornalista inglese di analizzare i fatti per oltre tre anni. Quattro pagine e una copertina sono stati sufficienti al Financial Times per arrivare alla radice del male di un Paese che se pur cosciente dell’ “abbondanza” che primeggia in pubblicità e tv locali, non può permettere che a colpi di tastiera, il rumore di uno scandalo-evidenza, annulli il lavoro, il sacrificio e soprattutto ogni progresso che la donna italiana ha fatto e continua a fare ogni giorno, posando il riflettore su un problema, che se ben analizzato diventa solo una realtà di riflesso.

E intanto, mentre il dibattito infiamma i media nazionali con schieramenti di pensiero opposti, luoghi comuni e frasi/pensieri fatti, hanno la meglio. Il problema c’è, si vede ma spesso si nasconde. Una donna oggi, nel nostro Paese, non può essere costretta a decidere se avere una famiglia o dedicarsi al lavoro e alla carriera, ma soprattutto non può essere vista come un elemento marginale nella crescita economica locale e nazionale. È proprio su questo punto che verte il discorso di Maria Antezza, presidente del Consiglio regionale della Basilicata, che nel corso del convegno “Impresa, Lavoro, Famiglia” svoltosi lo scorso 16 luglio a Matera, ha dichiarato, “lo sviluppo dell’impresa donna potrebbe essere un modo concreto per mettere in armonia il benessere della famiglia e la crescita equilibrata delle nostre società”. “Sicuramente – ha aggiunto Antezza – l’impresa donna é la via privilegiata per recuperare, anche qui da noi, ad esempio nei settori dei servizi al turismo e dell’impresa sociale, quelle quote di occupazione liberate dal settore manifatturiero in crisi.” La presidente del Consiglio regionale ha poi richiamato una serie di leggi e provvedimenti della Regione Basilicata per favorire le pari opportunità e l’accesso delle donne al lavoro e all’imprenditorialità: dalla legge 27 del 2004 sul coordinamento dei tempi delle città e sulla promozione dell’uso del tempo, di cui lei stessa è stata promotrice, alla più recente normativa sulla rete dei servizi di cittadinanza sociale, fino agli avvisi pubblici sul sostegno alla conciliazione fra la vita lavorativa e la vita familiare e per l’assegnazione di piccoli sussidi per la nuova imprenditorialità.

Iniziative che richiamano l’impegno a rendere esigibili quei diritti di parità, sui quali sempre più spesso, torna il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano. Rispetto, servizi e strumenti di conciliazione, ridistribuzione dei ruoli, modernizzazione dell’organizzazione del lavoro, sono questi e molti altri i motivi per cui, ancora oggi, lontani dai tempi degli slogan femministi le donne italiane si trovano a lottare. E se l’Italia abbonda di curve silenziose da mostrare al mondo, non è una colpa ma solo un motivo in più che rafforza la nomina di BelPaese.

0 Comments

Leave a reply

©2024 KLEO Template a premium and multipurpose theme from Seventh Queen

CONTACT US

We're not around right now. But you can send us an email and we'll get back to you, asap.

Sending

Log in with your credentials

Forgot your details?