La Centrale ENEL di Laino Borgo è bloccata dopo l?ennesimo sequestro della Magistratura. Da parte di tutti, popolazioni della Valle, Sindaci, Associazioni e Comitati c?è viva attesa per le risultanze delle indagini, soprattutto per gli eventuali rischi per la salute connessi a tali sequestri. Ma grande è anche l?attesa per le risultanze della perizia tecnica commissionata dalle Istituzioni locali e dai Comitati con loro.

La unanime richiesta, che dovrebbe essere nell?interesse di tutti, è quella di conoscere finalmente la verità.

E alla ricerca della verità l?ENEL ha concorso poco e male, assumendo atteggiamenti che hanno solo esasperato gli animi e che rischiano ora di far esplodere l?ennesima ?guerra tra poveri?.

Cosi come evidenti appaiano le responsabilità di quelle istituzioni, calabresi e lucane, che tanto hanno parlato e promesso e cosi poco e male hanno fin qui concluso.

Agli addetti, a vario titolo, della Centrale del Mercure, sottoposti alla pressione del ?ricatto occupazionale?, la piena solidarietà di Comitati e Associazioni. In una realtà economica come la nostra è chiaro che anche una briciola sembra un banchetto. Ma è in primo luogo proprio a loro tutela che l?accertamento della verità deve andare avanti. La battaglia in corso è soprattutto battaglia di legalità e di salvaguardia della salute, dei lavoratori così come delle popolazioni dell?intero comprensorio della Valle.

Comitato Salute Ambiente Pollino (CO.S.A.)

Associazione Ambientalista ?il riccio? Castrovillari

ReteAmbiente Calabria

0 Comments

Leave a reply

©2024 KLEO Template a premium and multipurpose theme from Seventh Queen

CONTACT US

We're not around right now. But you can send us an email and we'll get back to you, asap.

Sending

Log in with your credentials

Forgot your details?