Continua la serie di laboratori di studio sulla cultura popolare lucana
all’Oasi WWF del Pantano di Pignola, iniziata con quello sulla tarantella
lucana tenuto da Pino Gala. I prossimi, organizzati dalla Coop. Soc.
Novaterra in collaborazione con Nuova Atlantide Teatro, affronteranno la
tecnica di costruzione e percussione del Tamburello del Pollino (domenica
8 maggio) ed il canto di tradizione orale in Lucania tra pathos e
teatralita’ popolare (sabato 14 e domenica 15 maggio).

Oggi, che quel mondo arcaico di segni, parole e gesti dei nostri antenati
è quasi del tutto scomparso, che senso hanno queste proposte di indagare
quel mondo di voci e suoni?

Si tratta di un invito a riprendersi il segreto nascosto delle sonorita’
che ci parlano di un tempo in cui la musica ed il canto canto erano parte
della vita quotidiana, scandiva i momenti più importanti dell’esistenza,
la nascita, l’amore, la morte. E su un piano più strettamente artistico,
recuperare il valore musicale della nostra tradizione, originale per i
ritmi, la bellezza delle melodie, la poesia e la semplicità dei testi.

Il primo laboratorio-seminario sara’ tenuto da Quirino Valvano di S.
Costantino Albanese, costruttore e suonatore di tamburelli, ciaramelle e
surduline nonche’ profondo conoscitore della cultura e tradizioni
dell’area del Pollino. In collaborazione con Nicola Scaldaferri,
etnomusicologo e docente all’Universita’ di Milano, Quirino Valvano e’ da
anni impegnato, in una ricerca mirata a recuperare il vastissimo
repertorio musicale tradizionale che, sebbene ancora vivo, rischia oramai
l’estinzione.

Il secondo, quello sul canto di tradizione orale, sara’ condotto
dall’attrice-cantante Caterina Pontrandolfo. Cantante, attrice, e autrice
lucana, Caterina Pontrandolfo conduce da qualche anno un lavoro incentrato
sulle tradizioni orali con intreccio tra teatralità e canto popolare.
Canti rituali, storie di lavoro e di emigrazione, canti d’amore, ninna
nanne – un caleidoscopio di sonorità, ritmi, melodie e dialetti che
rimandano le eco appassionate di un mondo estinto o profondamente
trasformato.

I laboratori che vengono proposti sono aperti a chiunque sia interessato
ad avvicinarsi alle modalità della musica tradizione lucana, a chi voglia
indagare in particolare la propria risorsa vocale ed espressiva, a
professionisti in ambito musicale e teatrale che vogliano approfondire un
ambito di ricerca di proprio interesse.

I laboratori, si svolgeranno presso l’Oasi WWF del Pantano di Pignola
secondo i seguenti orari:

Lab. di Tamburello: domenica 8 maggio 10.00 – 13.00; 15.00 – 18.00;

Lab. di Canto: sabato 14 maggio dalle 15,30 alle 19,30 e domenica 15
maggio dalle 10,30 alle 13,30 e dalle 14,30 alle 18,30.

Per informazioni e iscrizioni: 333/3777093.

0 Comments

Leave a reply

©2024 KLEO Template a premium and multipurpose theme from Seventh Queen

CONTACT US

We're not around right now. But you can send us an email and we'll get back to you, asap.

Sending

Log in with your credentials

Forgot your details?