Gli organi di competenza della Regione Basilicata hanno annunciato con comunicato ufficiale che presto verrà definito un elenco delle specie della flora da proteggere sul nostro territorio. Tale provvedimento si rifà ad una legge regionale del 1994 sull?individuazione, la classificazione, l’istituzione, la tutela e la gestione delle aree naturali protette in Basilicata che prevede la predisposizione dell’elenco di specie vegetali a protezione assoluta e di quello a protezione limitata. Ad essere protette non sono solo animali e piante ma anche risorse primarie come l?acqua.

L?acqua è bene prezioso senza il quale la vita su questa terra sarebbe impossibile. E? l?elemento moderatore fra gli altri cinque di questo creato. Spesso è minacciata da chi meno ambientalista di noi non riesce a concepirne il rispetto. Se la società di questo momento è quella che determinerà il senso di un? etica morale di spessore, allora è bene che si provveda sin da subito a rafforzare le fondamenta del senso comune. A tal proposito si è pensato di risolvere il problema in nuce, raggiungendo i gruppi di socializzazione primaria come le scuole materne. Si chiama “Flepi” il progetto attivo in tutta italia e dal 1 aprile anche in 6 scuole di Potenza. Trattasi di un programma educativo attivato dall ?ARPAB su 200 alunni lucani per sensibilizzarli ad una consapevolezza ambientale sulla tutela della risorsa acqua:fine ultimo è responsabilizzare i cittadini del domani verso un uso sostenibile dell?acqua.

L?iniziativa è promossa anche dall?APAT (Agenzia per la Protezione dell?Ambiente e per i servizi Tecnici) e finanziata dalla DG Ambiente della Commissione Europea, si colloca nell?ambito delle attività di educazione ambientale che il Servizio Informazione, Comunicazione ed Educazione Ambientale dell?ARPA Basilicata ha inteso realizzare in alcune scuole materne nel periodo aprile?giugno 2005.
L?idea ha origine in Belgio, linee guida sono state promosse dall? agenzia dell?Ambiente delle Fiandre nell’ambito dell?Annual Meeting del network Green Spiders, ha riscosso un notevole successo ed è stata riproposta in 12 Paesi: Austria, Bulgaria, Cipro, Danimarca, Estonia, Germania, Ungheria, Irlanda, Italia, Paesi Bassi, Romania, Slovenia.
Ma chi è Flepy?

Per accattivarsi del simpatie del giovane pubblico non potevano altro che proporre un personaggio di Fantasia.
Flepy infatti è un pesce volante il quale, allontanandosi dal suo ambiente naturale incontaminato, si ammala per essersi tuffato in un fiume inquinato ma fortunatamente si salva grazie all’intervento e alle cure amorevoli di due bimbi. Questa storia è link educativo che intende spiegare con un linguaggio semplice i problemi dell?inquinamento dell?acqua e i comportamenti da adottare per contribuire alla salvaguardia della risorsa idrica. L?ARPA Basilicata, come ausilio didattico, ha distribuito alle insegnanti delle scuole un kit di materiale costituito da opuscoli che raccontano la storia di Flepy, manuali per gli educatori, giochi, poster, videocassette e gadget.

Il Servizio Informazione, Comunicazione ed Educazione Ambientale dell?ARPAB ha integrato il progetto considerando le specificità territoriali della regione e, in collaborazione con il Settore Informativo Prevenzione Monitoraggio e Controllo?Ufficio Risorse Idriche e con il Dipartimento Provinciale di Potenza-Ufficio Risorse Idriche, ha elaborato un percorso didattico caratterizzato da sperimentazioni in aula e sul campo che consentano ai bambini di comprendere i concetti dell’inquinamento e della salvaguardia ambientale. In tale ottica particolare rilievo rivestono le visite guidate ad ambienti diversi quali sorgenti incontaminate e tratti fluviali inquinati. Alla fine del percorso didattico sarà realizzata una rappresentazione teatrale della storia di Flepy, una mostra di disegni realizzati dai bambini, un cortometraggio, una mostra fotografica e tutto ciò che scaturirà dalle sensibilità e dalla fantasia dei bambini.

0 Comments

Leave a reply

associazione - progetto - collabora - identificati - note legali - privacy - contatti

Associazione Lucanianet.it c/o Broxlab Business Center | P.zza V. Emanuele II, 10 | 85100 Potenza tel.+39 0971.1931154 | fax +39 0971.37529 | Centralino Broxlab +39 0971.1930803 | ­www.lucanianet.it | info@lucanianet.it Testata Giornalistica registrata al tribunale di Potenza n° 302 del 19/12/2002 | ­C.F. 96037550769 Invia un tuo contributo tramite bonifico bancario alle seguenti coordinate IBAN : IT 31 E 08784 04200 010000020080

Log in with your credentials

Forgot your details?