Ambienti armonici in cui vivere? La proposta del WWF

Il WWF (World Wide Found for Nature) è un?associazione presente in 40 nazioni, che propone la salvaguardia e la difesa dell?ambiente. L?organismo di volontariato mira a fermare il degrado planetario e compartecipare alla creazione di un mondo non utopico in cui l?uomo possa vivere in armonia con la natura. La traduzione in atto di tale obiettivo è la tutela delle specie animali e vegetali in via di estinzione, in quanto non di rado le azioni umane sono volte al deturpamento degli habitat naturali. Alla base del progetto, come nella maggior parte delle associazioni di volontariato, vi è la necessità di investire parte dei capitali dei singoli soci e dei tesserati in attività concrete. In Basilicata è presente una sede regionale, sita in Potenza presso la gradinata IV Novembre, e differenti sezioni periferiche, collocate nello stesso capoluogo, ma anche a Matera e Rionero.

Tra le attività più rilevanti organizzate dall?associazione, rientra l?educazione ambientale, realizzata per fornire agli individui una conoscenza degli habitat circostanti e soprattutto della loro fragilità. La domanda più cospicua di informazioni in ambito ecologico proviene dalle scuole, con le quali l?organismo coopera fornendo supporto di tipo tecnico-didattico in merito a tematiche ambientali. Gli aderenti al WWF ritengono, in effetti, che i primi elementi di formazione ed educazione al rispetto degli ambienti limitrofi e delle persone che ne fanno parte si apprende in primo luogo tra i banchi di scuola, quando i fanciulli stanno maturando la loro personalità.
L?azione dei centri WWF non si arresta, però, all?interno degli edifici scolastici. L?ente di volontariato, infatti, offre e coordina pacchetti di educazione ambientale, in quanto fornisce supporti organizzativi e informativi anche a enti o associazioni che intendono ampliare le proprie conoscenze in ambito naturalistico, storico e antropologico del territorio.

Il WWF, inoltre, compartecipa con i CEA (Centri di Educazione Ambientale), radicati sul territorio, all?organizzazione di mostre, convegni e dibattiti che mirino a sottolineare l?importanza delle aree verdi e delle risorse naturali, prendendo spunti per riflettere sulla complementarità tra uomo e ambiente. A tal proposito, nel corso della questione relativa all?eventuale arrivo di scorie radioattive presso il sito unico da localizzare in Basilicata, a Scanzano Jonico (MT) , il ruolo dell?associazione, è stato attivo nel voler scoraggiare l?opzione proposta, insieme a Legambiente e alle altre organizzazioni ambientaliste. Proprio con l?altra associazione che si occupa della salvaguardia degli habitat, il WWF di Potenza sta cooperando, in merito alla delicata questione del rione periferico della città di Potenza, denominato Macchia Romana. Gli enti volontari, insieme ai comitati di quartiere stanno difendendo le aree verdi presenti, in modo da evitare che un quartiere possa divenire una congerie di cemento ed edifici, priva di aree verdi e pubbliche, in cui le persone possano recarsi.

Le operazioni di valorizzazione e tutela del territorio sono concretizzate anche nella proposta di istituzione del Parco Regionale nella zona lucana dei Calanchi. Quest?ultima è un?area interna alla Basilicata, la quale si contraddistingue per il pregio naturalistico e paesaggistico, nonché per l?unicità da un punto di vista geomorfologico del territorio (boschi, macchia mediterranea, masserie fortificate, centri storici, siti archeologici e centri di attrattiva culturale-letteraria). Il fenomeno ambientale è localizzato nell?area compresa tra i comuni di Aliano, Craco, Montalbano Jonico, Pisticci e Tursi, in provincia di Matera. L?attività del WWF in tale settore è volta alla tutela dell?intera regione naturale e alla istituzione di un Parco Regionale, al fine di rilanciare il territorio e puntare su forme di sviluppo alternative, come il turismo ecologico. Per questo motivo l?associazione gestisce, altresì, differenti oasi. Esse consistono in progetti attuati per la conservazione e difesa del territorio e della biodiversità.

Le più rilevanti sono presenti nel territorio di Policoro (MT), Laurenzana (PZ), Lago Pantano, Pignola (PZ) ? Le oasi sono dei luoghi circoscritti in cui si salvaguardano gli habitat naturali (flora e fauna) tutelando uno scorcio di una zona e mantenendolo inalterato. Il risultato consiste nel proporre delle aree integre all?interno di realtà antropiche, nelle quali gli individui possono rifugiarsi e ritrovare l?atavico candore e la mirifica purezza della natura incorrotta da mani umane, in modo da riportare all?interno delle vite dei singoli individui, spesso trascorse tra la fretta e l?indifferenza, uno scorcio incontaminato di calma e contemplazione del creato circostante.

0 Comments

Leave a reply

associazione - progetto - collabora - identificati - note legali - privacy - contatti

Associazione Lucanianet.it c/o Broxlab Business Center | P.zza V. Emanuele II, 10 | 85100 Potenza tel.+39 0971.1931154 | fax +39 0971.37529 | Centralino Broxlab +39 0971.1930803 | ­www.lucanianet.it | info@lucanianet.it Testata Giornalistica registrata al tribunale di Potenza n° 302 del 19/12/2002 | ­C.F. 96037550769 Invia un tuo contributo tramite bonifico bancario alle seguenti coordinate IBAN : IT 31 E 08784 04200 010000020080

Log in with your credentials

Forgot your details?