L’Industria del Turismo in Italia. Dal 2000 al 2003 l’Italia ha perso circa 3 milioni di presenze straniere, con un saldo negativo di quasi 4 miliardi di euro annui. Il bilancio del 2004 sembra ancora più pesante in quanto le presenze straniere nel nostro Paese si sono ridotte del 10%, altri 4milioni in meno rispetto al 2003. Il turismo italiano attraversa una delle crisi più profonde degli ultimi anni: la crisi del settore ha colpito un po’ tutte le regioni del nostro Paese con vistosi cali, per esempio, del 15-20% per il turismo tedesco, austriaco e svizzero in Liguria, del 30% per quello tedesco in Campania, mentre i Laghi del Nord Italia hanno registrato flessioni del 15% ed Emilia Romagna e Marche del 10%.
Le top ten. La graduatoria degli arrivi internazionali nei dieci paesi leader nel mondo per il turismo non ha subìto particolari variazioni tra il 2002 e il 2003. Infatti, Francia, Spagna, Stati Uniti ed Italia continuano ad occupare le prime quattro posizioni di questa particolare classifica. Il Canada passa dalla settima alla decima posizione, registrando una flessione pari al 12,7% nel 2003. Al contrario, salgono di una posizione Austria e Germania. Si sono evidenziate inoltre le potenzialità dell’industria turistica cinese, che in alcune località di maggiore interesse, grazie ad accorte politiche rivolte al settore del turismo, registra incrementi degli arrivi internazionali anche pari al 100%. In particolare, l’Italia ha subito una variazione percentuale in negativo, passando dai 39,8 milioni di arrivi dall’estero del 2002 ai 39,6 milioni del 2003, con una flessione delle presenze di -0,5%. Secondo alcuni dei maggiori operatori stranieri che lavorano in Italia è possibile individuare delle cause che hanno fortemente penalizzato, negli ultimi anni, il turismo nel nostro Paese: prezzi esosi degli alberghi; costi elevatissimi di bar, ristoranti e spiagge; mancanza di catene di alberghi che impediscono la maggiore regolamentazione dei prezzi; riduzione del badget per la comunicazione sull’Italia; strutture alberghiere vecchie ed inadeguate; mancanza di programmi specifici per famiglie e gruppi; ed infine, una forte concorrenza soprattutto se si considerano altre mete turistiche più economiche. Ad aggravare la situazione il peso dell’Iva, che attualmente penalizza fortemente il nostro Paese, dove al turismo è applicata un’Iva del 10%, contro l’8% della Grecia, il 7% della Spagna, il 5,5% della Francia, il 5% del Portogallo, il 3,5% della Svizzera o il 3% del Lussemburgo. Consola la presenza, nel nostro Paese, di turisti americani, rimasta invariata nonostante le difficoltà internazionali. Infatti, Roma, Firenze e Venezia risultano essere ai primi tre posti nella graduatoria delle dieci città del mondo preferite dagli americani.
Turismo: la crisi degli ultimi anni. Il turismo costituisce uno dei settori trainanti per l’economia nel nostro Paese e rappresenta il 12% del Pil nazionale ed il 12,5% dell’occupazione.
Dopo il Giubileo il settore turistico italiano sembra attraversare una fase di crisi, in cui il comparto fatica a raggiungere i livelli precedenti all’evento religioso. Secondo il Rapporto sul Turismo in Italia dell’Enit (2004) durante il 2003 le presenze turistiche in Italia si sono ridotte del 2% (dopo il calo dell’1,4% del 2002), ed in particolare i turisti stranieri sono diminuiti del 3,8%. Nel 2003 sono infatti giunti 64,9 milioni di turisti stranieri, in calo rispetto ai 65,5 milioni del 2002. I pernottamenti sono diminuiti del 3% (da 352,7 milioni a 340,6 milioni); la durata media dei soggiorni è stata di 5,3 giorni, la spesa pro capite di 80,9 euro. La spesa e la durata dei soggiorni negli ultimi anni hanno registrato un calo costante. Nel 2003 le località di mare hanno detenuto una quota del mercato del turismo estero pari al 38,7%, le città d’arte una quota pari al 31%.
La mappa del turismo in Italia.
Turismo domestico. Per quanto riguarda il turismo domestico, gli italiani che hanno trascorso almeno un periodo di vacanza nel 2003 sono 46,5 milioni, e la durata complessiva del periodo di vacanze è notevolmente diminuita. La spesa sostenuta è salita dai 35 miliardi del 2002 ai 56 del 2003: l’aumento registrato è in buona parte da attribuire ai rincari che hanno interessato tutti i beni di consumo negli ultimi anni. Dopo un 2003 decisamente deludente, si rileva una lieve crescita dell’interesse per le mete italiane. In ogni caso, il periodo gennaio-giugno 2004 segna il saldo peggiore degli ultimi cinque anni per affluenza di turisti stranieri. Il più penalizzato è stato il turismo stagionale. Il comparto alberghiero nazionale è quello che ha sofferto maggiormente, registrando un significativo calo di presenze. L’impatto è stato disastroso anche sull’occupazione: si stima che siano circa 6.000 i posti di lavoro a rischio.
Turisti stranieri. Il turismo straniero è il settore nel quale nel 2003 e nei primi mesi del 2004 si è fatta sentire con maggior incisività la crisi del comparto turistico italiano, denunciando un vero e proprio declino della capacità attrattiva del nostro Paese. Infatti, fra gennaio e luglio del 2003 e del 2004, in merito agli arrivi di viaggiatori stranieri in Italia, si è osservata una flessione da 44.413.000 a 43.198.000. Con riferimento alle diverse macroaree geografiche, va sottolineato che un calo significativo riguarda Nord-Ovest e Nord-Est, mentre il Centro, il Sud e le Isole registrano un incremento, seppur lieve. La flessione più importante di viaggiatori stranieri interessa il Friuli Venezia Giulia, l’incremento più alto si è invece verificato nel Lazio. Per quanto riguarda, invece, la spesa dei turisti stranieri in Italia si è registrata una crescita: 16.829 milioni di euro nei primi mesi del 2004, contro i 15.497 dello stesso periodo del 2003. In particolare, nei primi mesi del 2004, fra le province, quella in cui si registra la spesa più elevata da parte di turisti stranieri è Roma, seguita da Milano, Venezia e Firenze. Più in generale, la città di Roma non sembra soffrire la contrazione dei flussi turistici che ha penalizzato il 2004, grazie anche ai forti investimenti nel settore della promozione. Il confronto fra i primi mesi del 2004 e lo stesso periodo del 2003 indica una flessione importante nel flusso turistico proveniente dai paesi europei (sia Ue sia non Ue), a fronte di una ripresa di quello proveniente dall’America e, in misura minore, dall’Africa e dall’Asia.
Turisti italiani all’estero. Nel 2003, i viaggi compiuti dagli italiani all’estero sono stati 50,1 milioni (+2,8%), con 265 milioni di pernottamenti (+3,8%); la spesa dei turisti italiani all’estero ha raggiunto i 18,2 milioni di euro, con un incremento del 2,1%. Per l’estate 2004 si stima una crescita del 10% del traffico turistico oltre frontiera rispetto all’estate 2003. Le destinazioni turistiche straniere mostrano un trend di presenze italiane positivo rispetto alle destinazioni nazionali, soprattutto perché spesso esse sono più convenienti economicamente. Risultano più richieste che in passato mete come Tunisia, Grecia, Baleari, Egitto, Turchia, Russia, Spagna, Messico. Gli italiani continuano ad amare i villaggi turistici all’estero, le crociere, i tour nelle capitali europee. I primi mesi del 2004 (gennaio-luglio) hanno tuttavia registrato una flessione dei viaggi all’estero degli italiani: 23.772.000 viaggiatori contro i 28.913.000 dello stesso periodo del 2003. In particolare, i viaggiatori italiani più numerosi sono quelli residenti nel Nord-Ovest (14.076), seguiti da quelli del Nord-Est (5.579.000), del Centro (2.420.000), del Sud e delle Isole (1.697.000). La graduatoria delle destinazioni estere scelte dai viaggiatori italiani nel 2003 vede al primo posto i paesi europei interni all’Ue (24.518.000), al secondo i paesi europei esterni all’Ue (23.695.000), e, con un forte distacco, l’America (2.522.000), l’Africa (1.759.000), l’Asia (821.000) e, ultima, l’Oceania (132.000). Nel 2003 sono aumentati i viaggi nell’Europa Ue, nell’Europa extra Ue, in America, in Oceania e diminuiti quelli verso l’Africa e l’Asia. Il confronto gennaio-luglio 2003/2004 evidenzia una flessione verso tutti i continenti, tranne Africa, Asia e Oceania. Fra gli Stati esteri, le mete privilegiate dagli italiani nel 2003 sono state la Svizzera (19.708.000), la Francia (7.497.000), la Slovenia (3.963.000), la Germania (3.084.000) e l’Austria (2.982.000).
Incentivi e investimenti: la spesa per il turismo nelle regioni italiane. Nel 2004, le Regioni e le Province autonome hanno destinato alla promozione della domanda turistica, nel complesso, circa 266 milioni di euro. La Provincia autonoma di Trento, che ha investito in promozione 36 milioni di euro, guida la classifica, seguita, con una spesa per le attività promozionali di 24 milioni di euro, da Toscana (0,03% del Pil regionale) ed Emilia Romagna (0,02%).
Spesa promozionale per turista. Al primo posto della graduatoria nazionale si colloca la Valle d’Aosta, che investe in promozione 11,30 euro pro capite, seguita dalla Provincia di Trento (che spende 8,48 euro a turista, contro i 4,72 della Provincia di Bolzano), e dal Friuli Venezia Giulia (8,20 euro). In particolare, il costo della promozione è pari a 7,53 euro a turista in Calabria, è leggermente più basso in Basilicata, dove la spesa pro capite è di 7,12 euro, scende a 5,26 euro a turista in Liguria e a 4,22 in Sardegna. Nelle restanti regioni, la spesa promozionale per turista sostenuta dalle Amministrazioni locali è più contenuta. Essa non raggiunge i 3,50 euro pro capite in Umbria (dove si registra un costo per turista di 3,47 euro), Abruzzo (3,46 euro) e Campania (3,23 euro), mentre non supera i tre euro a turista in Emilia Romagna (2,95), Marche (2,72), Sicilia (2,55), Toscana (2,50), Puglia (2,47) e Lombardia (dove il costo per turista sostenuto supera appena i due euro). Il Veneto, al quarto posto della graduatoria nazionale in termini di risorse destinate alla promozione del turismo sul territorio regionale, si colloca al contrario nella parte bassa della classifica per quanto riguarda la spesa promozionale/turista, pari ad appena 1,91 euro. Come osservato in relazione all’incidenza della spesa per la promozione del turismo sul Pil, Piemonte, Molise e Lazio chiudono la graduatoria nazionale anche in termini di costo per turista. Nello specifico, la spesa in promozione, pari a 1,88 euro a turista in Piemonte, scende a 1,53 euro in Molise e precipita a 0,74 centesimi a turista nel Lazio.
Quale rilancio senza finanziamenti? Nel biennio 2002-2004 l’ENIT (Ente Nazionale per il Turismo) ha visto scendere di oltre il 30% il budget a propria disposizione. Infatti, il finanziamento statale destinato all’ENIT ha subìto un netto decremento: dai 34,6 milioni di euro del 2002 si è passati, nel 2003, ad uno stanziamento pari a 26,2 milioni di euro (vale a dire il 24,3% in meno rispetto all’anno precedente), per arrivare ai 24,2 milioni di euro del 2004, il 60% dei quali necessari alla gestione ordinaria dell’Ente. Per quanto riguarda il raffronto europeo, il dato acquista un peso ancora più eclatante se confrontato con i finanziamenti destinati agli Enti promotori del Turismo in Germania (33,7 milioni di euro), Gran Bretagna (66,1 milioni di euro, di cui 53,7 da parte del Governo e 12,4 di fonte non governativa), ed in Francia e Spagna in particolare.
Paesi mediterranei: i budget della ripresa. Contrariamente all’Italia, che attraversa un periodo nero sul fronte del turismo, certamente aggravato dalla drastica riduzione dei finanziamenti pubblici, i paesi del Mediterraneo mostrano, grazie alla crescita degli investimenti nel settore e allo sviluppo dell’offerta ricettiva, una buona capacità competitiva. Ad esempio, la Slovenia che sta investendo sul turismo termale e sulle infrastrutture ha visto crescere, infatti, negli ultimi anni il flusso dei turisti italiani (+8% di presenze nel 2004 rispetto all’anno precedente).
Nel corso del prossimo decennio, si prevede che la Libia sarà, tra i paesi mediterranei, a guidare la classifica degli investimenti nel settore, in termini di crescita percentuale annua (8%), seguita da Montenegro (7,4%), Slovenia (6,4%), Turchia (5,8%) e Croazia (5,5%). Sempre in base alle stime, gli investimenti del nostro Paese, registreranno fino al 2014, una crescita annua decisamente più contenuta, pari al 3,6%, ed inferiore a quella prevista per Grecia (3,7%), Marocco (4%), Egitto (4,4%) e Tunisia (4,5%). I risultati di tali investimenti non si fanno attendere. Basti pensare che la Turchia, solo nei primi otto mesi del 2004, è riuscita ad incrementare gli arrivi internazionali di oltre il 30% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente.
In relazione all’incidenza del turismo sul Pil, le previsioni per il prossimo decennio sono ottime sia per quanto riguarda il Montenegro, per il quale si stima una crescita annua di oltre il 15%, che per la Libia (9%) e la Tunisia (6,6%). La crescita percentuale annua dell’incidenza del settore sul Prodotto interno lordo dovrebbe attestarsi sopra i quattro punti percentuali in Grecia (4,2%) e Marocco (4,5%), mentre dovrebbe essere più contenuta in Croazia (4%), Slovenia (3,4%) e Italia (2,6%), anche in questo caso agli ultimi posti della graduatoria, insieme ad Egitto e Turchia (2,5%).
Lo scenario possibile: previsioni dei flussi turistici. Se si considera il periodo che va dal 1985 al prossimo 2005, la capacità di attrazione turistica del nostro Paese continuerà ad essere in diminuzione: si stima, infatti, che l’attrazione dell’Italia a livello internazionale scenderà dal 7,6% al 5,5%. Di conseguenza diminuirà pure il profitto economico derivante dal turismo internazionale, che passerà dal 7,4% accertato nel 1985 al 5,7% nel 2005. Scenario scoraggiante anche nel rapporto tra le entrate inbound e le spese outbound, ossia la “bilancia turistica” che misura la capacità delle entrate di coprire le spese derivanti dal turismo degli italiani all’estero: nel 1985 questo rapporto si posizionava al 3,8, mentre nel 2005 si prevede un consistente dimezzamento pari all’1,5. È invece in aumento il livello di internazionalizzazione della domanda interna, il grado cioè di internazionalizzazione del turismo del nostro Paese (rispettivamente 29,2% nel 1985 e 32,9% nel 2005). Lievita sensibilmente l’incidenza del turismo internazionale sul nostro Pil, per il quale è prevista una crescita del 2,6% nel 2005. Per il 2005 si prevede, inoltre, che nel complesso le partenze internazionali dai 21 principali paesi saliranno del 2,7%. Aumenteranno in particolare le partenze dai paesi mediterranei (3,2%), del Nord Europa (2,9%) e da quelli extraeuropei (2,8%). Sempre nel 2005 gli arrivi mondiali in Italia cresceranno del 3% rispetto al 2004 e supereranno di poco, in termini assoluti, quelli relativi alle partenze dai 21 principali paesi (1,6%). In valori assoluti il flusso principale degli arrivi in Italia è rappresentato dai turisti provenienti dall’Europa centrale (17.237.000). Continuerà ad essere così anche nel 2005 nonostante il loro incremento sarà pari soltanto all’1,4%. Significativi segnali di recupero giungeranno invece dai turisti extraeuropei i cui flussi aumenteranno nel 2005 del 2,4%. Questo sarà causato soprattutto dall’incremento dei turisti giapponesi (5,4%) e americani (1,7%). I Paesi dell’area mediterranea e del Nord Europa mostreranno rispettivamente un aumento dell’1,5% e dell’1,7%. Le stime prevedono per il 2005 un calo degli arrivi in particolare dalla Germania (dal 30,2% al 26,4%), dagli Usa (dal 14,7% all’8,8%) e dalla Francia (dal 10,0% al 7,2%), a favore dell’aumento della quota di arrivi dai paesi emergenti che sale infatti dall’8,4% del 1985 al 19,6% del 2005. In riferimento alla distribuzione degli arrivi previsti per il 2005 nelle principali regioni italiane, dal confronto con i dati del 1985 si registra una leggera flessione del Veneto (da 20,2% al 19,6%) e del Trentino (dal 13,8% al 12,5%) e un aumento di turisti nel Lazio (dal 11,5% al 13,9%). Stabile invece la quota degli arrivi in Toscana (14,1% nel 1985 e 14,2% nel 2005).

0 Comments

Leave a reply

©2024 KLEO Template a premium and multipurpose theme from Seventh Queen

CONTACT US

We're not around right now. But you can send us an email and we'll get back to you, asap.

Sending

Log in with your credentials

Forgot your details?