Dal 14 febbraio al 20 febbraio Legambiente lancia la campèagna Cambio Clima. Entra finalmente in vigore il ?Protocollo di Kyoto?, il trattato internazionale del 1997 con il quale i Governi di molti paesi si sono impegnati a ridurre le emissioni CO2 e i gas responsabili dell?effetto serra. I paesi ricchi (Stati Uniti, Europa, Giappone, Canada, Australia) che sono i principali ? bruciatori? di petrolio e carbone dovranno necessariamente attuare una serie di comportamenti atti a ridurre le emissioni dell?anidride carbonica e degli altri gas ?nemici? del clima. L?Italia però, nonostante abbia ratificato il Protocollo, ha seguito un percorso opposto rispetto agli obiettivi prefissati, registrando dal 1990 a oggi un incremento del 3% dei consumi energetici e un incremento del 10% delle emissioni dei gas serra, mentre in Europa si è avuta una diminuzione del 10% sui consumi e del 2,5% sulle emissioni complessive dei gas climalteranti.

Eppure il problema energetico e le relative ripercussioni sull?ambiente, dell?aumento dell?effetto serra ai mutamenti climatici, sono una delle emergenze più gravi che la società globale si trova ad affrontare. La febbre del pianeta e le sue catastrofiche conseguenze sono già una drammatica realtà in molte aree del mondo, soprattutto quelle del Sud del Mondo, ma se non si attuerà una drastica inversione di tendenza tutte le zone del pianeta, comprese quelle temperate, si troveranno ad affrontare fenomeni estremi come alluvioni o siccità.

Per queste motivazioni, il Circolo Legambiente di Policoro aderisce a questa settimana dedicata al clima a partire con iniziative di sensibilizzazione ambientale presso le scuole di Policoro e di Scanzano Jonico. Sarà inviato alle scuole materiale utile per far conoscere l?importanza del Protocollo di Kyoto e per affrontare la questione energetica con le classi. Il materiale consiste in un opuscolo dal titolo ?cambio di clima- meno consumi, più energia pulita per salvare il pianeta? e un ?vademecum? di azioni quotidiane per il risparmio energetico dove un cittadino potrà realmente dare il proprio contributo concreto a CAMBIO CLIMA scegliendo che tipo di azione a basso consumo di energia adottare e comunicarla con una mail a cambioclima@mail.legambiente.com. Inoltre, a richiesta, le scuole avranno la possibilità di visionare un CD fatto di schede che indicano come migliorare la vita della Terra e un video dove sono elencati i buoni comportamenti di un abitante che vuol bene il suo pianeta. Mentre, nei giorni scorsi, nell?ambito di un progetto PON sull?educazione ambientale, in alcune classi della scuola media di Scanzano Jonico, è stata anticipata la campagna di sensibilizzazione sui cambiamenti climatici con la visione di un film ?The day after tomorrow? di Roland Emmerich che racconta come Madre Natura può scatenarsi se non si rispettano gli obiettivi del Protocollo di Kyoto, il dibattito che ne è seguito è stato interessante per gli studenti e per gli insegnanti. E, ancora, le iniziative per la difesa del clima continueranno con una raccolta firme presso la sede locale di Legambiente in via Brescia,13, a Policoro, per l?intera settimana.

Tutte queste operazioni nascono per sensibilizzare, oltre le scuole e i singoli cittadini, soprattutto, i Comuni, la Provincia e la Regione, i quali potranno aderire alla campagna CAMBIO CLIMA con un impegno concreto che si potrà articolare in diverse azioni: dalla promozione all?uso di fonti energetiche rinnovabili e di tecnologie a minore impatto ambientale e a più alta efficienza nelle strutture edilizie comunali (scuole, uffici, biblioteche, ecc.), dall?incentivazione al risparmio energetico e la diffusione delle fonti energetiche rinnovabili attraverso i regolamenti edilizi e i regolamenti sul trasporto urbano, alla promozione di campagne di informazione sul risparmio energetico nelle abitazioni e nei consumi individuali, e sull?impatto locale e globale dei cambiamenti climatici. In previsione delle imminenti elezioni Il Circolo Legambiente di Policoro è curioso di conoscere dal futuro governatore regionale: quale piano energetico in Basilicata si intende adottare dopo la ratifica del Protocollo di Kyoto per ridurre le emissioni dei gas serra.

Finora è stato fatto poco per rendere più moderni e più puliti i sistemi di produzione e di utilizzo dell?energia. Occorre che tutti moltiplichino gli sforzi, dai politici che ci governano fino ad ogni famiglia. Un esempio? Se quando a casa nostra si fulmina una lampadina, prendiamo l?abitudine di sostituirla con una ad alta efficienza-costa un po? di più- avremo aiutato a non sconvolgere il clima.

Insomma, il clima ha bisogno di noi, di ognuno di noi. E? una partita difficile che si può vincere solo tutti insieme, Legambiente e tutti i suoi soci-adulti e ragazzi- sono decisi a giocarla fino in fondo.

0 Comments

Leave a reply

©2024 Associazione Promozione Sociale Lucanianet.it - Discesa San Gerardo 23/25 85100 Potenza CF 96037550769 info@lucanianet.it