Il violento nubifragio che ha colpito in questi giorni la costa tirrenica ha fatto presagire momenti di crisi per l’economia turistica lucana che in buona parte dipende anche da Maratea, perla d’eccezione del Sud Italia.
Un posto magico, intoccabile, prezioso soprattutto per le tasche tintinnati dei turisti che la popolano da luglio fino a settembre . Quest’anno la natura ha voluto giocare col fuoco o forse queste piogge inaspettate sono il primo sintomo del malessere che affanna l’ecosistema del pianeta terra.
I processi di desertificazione, aumentano progressivamente, l’estate stenta a decollare come è dimostrato anche dalle temperature.

Non è buon segno, secondo gli esperti i momenti miti che stiamo avendo non indicano che avremo un’estate fresca ma che l’estate arriverà ma per poco tempo e sarà due volte più torrida degli anni passati.
Gli allagamenti di questi giorni sono sicuramente dovuti alle inadeguate misure di prevenzione appunto non idonee a canalizzare l’acqua pluviale così come di solito si fa nei campeggi. Gli operatori del settore turistico stanno vivendo con l’acqua alla gola.

Il duro colpo che hanno subito lascia prevedere numerose difficoltà per l’inizio della stagione turistica che è oramai alle porte in altri casi addirittura già iniziata.
Numerosi rappresentanti politici si sono rivolti al Presidente della Regione Filippo Bubbico affinché si prendano in fretta provvedimenti così da rincuorare chi vive sei mesi l’anno solo con i guadagni accumulati durante il lavoro estivo.
I danni stimati fino ad ora comprendono: allagamenti, danni alla viabilità soprattutto alla strada statale 7 di collegamento da e per le direttrici tirreniche, lo straripamento di un torrente a Marina di Maratea.

Antonio Pisani, ha sollecitato l’assessore alle “Infrastrutture e Mobilità”, Giovanni Carelli, a disporre sopralluoghi da parte di funzionari degli uffici competenti regionali, nel territorio di Maratea.
Urgono interventi per definire razionalmente i danni causati dal maltempo.
Pisani ha avanzato un sopraluogo per definire una mappa completa dei danni provocati dal maltempo, in modo da organizzare, un’ adeguata intesa con il Comune, la Provincia, l’Anas e gli altri enti competenti. Tutti questi interventi dovranno essere diretti in breve tempo, la stagione estiva come già accennato è alle porte e si dovrà consentire il normale flusso dei turisti. Non è la prima volta che si verificano situazioni di questo genere in Basilicata, la provincia di Potenza ha già dimostrato di essere fortemente sensibile a simili situazioni di disagio.
Già il 3 giungo la protezione civile ha definito una stima dei danni causati dal nubifragio lungo la costa tirrenica. Questa indagine ha dimostrato che i danni sono ascrivibili all’ enorme quantità di detriti che l’acqua ha trasportato verso valle nei diversi valloni che discendono a mare.Secondo la protezione civile gli effetti hanno interessato strutture demaniali mentre alcuni smottamenti hanno invaso proprietà private come un lido, che aveva già avviato l’attività estiva, una strada privata e un uliveto. La statale Tirrenica è stata interessata in alcuni punti da smottamenti. Chiusa invece al traffico la strada provinciale panoramica numero 3 bis a causa di sassi caduti sul fondo stradale.

Tutti danni che se non risolti in tempi brevi rischiano di impedire, l’apertura di molti luoghi di villeggiatura della zona. Milioni di euro andrebbero persi se Maratea non riuscisse a sanare disagi di questo momento.
L’economia turistica che la regge si piegherebbe in ginocchio perché tutto dipende solo delle tasche dei tanti proprietari di BMW che si vedono aggirare tra le sue viuzze. Maratea è incantevole, superba. La sua storia ha lasciato numerose testimonianze artistiche ed architettoniche, talora concentrate nello spazio di poche decine di metri E’ ricca di tesori artistici e architettonici nonché di eventi culturali e religiosi ereditati da una storia che è peculiare rispetto agli altri centri del Golfo di Policastro.

Sembra quasi di non essere al Sud per la perfetta organizzazione per l’eccentricità dei locali della gente che la popolano dall’alba al tramonto, tra feste in barca e aperitivi alle sette di sera nella celebre piazzetta. Che torni a splendere il sole questo è l’augurio migliore da fare?

0 Comments

Leave a reply

associazione - progetto - collabora - identificati - note legali - privacy - contatti

Associazione Lucanianet.it c/o Broxlab Business Center | P.zza V. Emanuele II, 10 | 85100 Potenza tel.+39 0971.1931154 | fax +39 0971.37529 | Centralino Broxlab +39 0971.1930803 | ­www.lucanianet.it | info@lucanianet.it Testata Giornalistica registrata al tribunale di Potenza n° 302 del 19/12/2002 | ­C.F. 96037550769 Invia un tuo contributo tramite bonifico bancario alle seguenti coordinate IBAN : IT 31 E 08784 04200 010000020080

Log in with your credentials

Forgot your details?