E’ ancora in corso il toto-candidati per le prossime elezioni provinciali nel collegio di Lagonegro, Latronico ed Episcopia. Pochi i nomi certi, assai più ampia la rosa delle probabilità. Iniziamo a parlare delle candidature sicure, o quasi. I Democratici di Sinistra è già da tempo che hanno espresso la propria preferenza su Michele Calabrese (Episcopia), mentre la Margherita ha optato per Vito Dilascio (Lagonegro).

Il candidato alle prossime elezioni provinciali per il P.R.I. sarà Donato Ielpo, mentre Gaetano Manfredelli – assessore alla Pubblica Istruzione presso il Comune di Lagonegro – sarà il candidato di Alleanza Nazionale.

Il partito dello S.D.I. ha scelto in Costanzo (Episcopia) il proprio candidato e i Comunisti Italiani hanno manifestato l’intenzione di candidare Pietro Mango (Lagonegro), si attende la conferma-smentita da un momento all’altro. In casa Rifondazione Comunista si sta ancora decidendo, il ballottaggio interno pare sia tra Edmondo Giordano (Latronico) e Ivana Vita (Lagonegro). Nelle stesse condizioni di incertezza, a quanto pare, versa Forza Italia, la quale non ha ancora sciolta la riserva relativa alle candidature. Per quanto concerne gli altri partiti non si hanno ancora notizie di sorta e vogliate scusarmi se ne avrò dimenticato di citare qualcuno. Per il resto, tutto sembra appiattito solo ed esclusivamente sui nomi e non sulle idee e sui programmi. Un fattore tutt’altro che irrilevante se si considera che l’intera area del lagonegrese sta pagando a caro prezzo l’assenza di un progetto politico-culturale che la veda coinvolta nel territorio regionale con il ruolo centrale che le spetta.

Si paga la presenza di una classe politica lineare e coerente che vede ruotare attorno alle piccole cose il perno dell’attività prodotta negli ultimi anni e sulla totale incapacità di rendersi recettivi di tutti quegli aspetti che stanno modificando, nel mondo, la funzione e le modalità di essere cittadino; ponendosi come unico ed ambizioso obiettivo l’esercizio di tutte quelle operazioni di normale amministrazione. Il “fare politica” è un’altra cosa. E’ cercare di modificare l’esistente secondo determinate convinzioni e criteri e che, attraverso la partecipazione e la condivisione critica, si definisce in un cambiamento generalizzato che concerne l’immediato e tutti gli attori di una comunità.

Il “fare politica” è essenza, sostanza retta da un procedimento dialettico avente nella cultura le proprie radici, non è l’apparenza di una forma. Fino a quando si alterneranno solo le maggioranze senza alternanza di significati e comportamenti non ci saranno dialoghi opportuni da fare, bensì resoconti catastrofici degli errori e di tutto ciò era logico evitare. Bisogna avere il coraggio di alimentare quel dialogo sociale (presente, in questo momento storico, soprattutto al di fuori delle istituzioni) seguendo un senso di convivenza e di adesione collettiva alle azioni politiche e di amministrazione pubblica.

Qualcuno dovrà necessariamente fare un bilancio dell’attività prodotta in questi ultimi anni e dovrà dare spiegazioni, dovrà dare chiarimenti. Dovrà tornare in piazza a parlare, magari, di programmi elettorali traditi e di altrui colpe sui fatti incompiuti. E’ la norma. Alla quale, ahimè, tutti si adattano. Tutti. Usando frasi di giustificazione tipo: “…non abbiamo governato certo da soli”, o “…la politica si fa con i compromessi”. Certo che non si governa da soli e che la politica è un continuo compromesso ma chi sceglie con chi candidarsi? chi sceglie di cedere al compromesso per avere, in cambio, una ricompensa? Anche noi comuni mortali, forse, siamo liberi di scegliere. Anche se è una libertà che si paga a caro prezzo e alla quale non c’è alternativa.

0 Comments

Leave a reply

associazione - progetto - collabora - identificati - note legali - privacy - contatti

Associazione Lucanianet.it c/o Broxlab Business Center | P.zza V. Emanuele II, 10 | 85100 Potenza tel.+39 0971.1931154 | fax +39 0971.37529 | Centralino Broxlab +39 0971.1930803 | ­www.lucanianet.it | info@lucanianet.it Testata Giornalistica registrata al tribunale di Potenza n° 302 del 19/12/2002 | ­C.F. 96037550769 Invia un tuo contributo tramite bonifico bancario alle seguenti coordinate IBAN : IT 31 E 08784 04200 010000020080

Log in with your credentials

Forgot your details?