Finalmente un po? di chiarezza sulla vicenda di Scanzano Jonico. E se nella drammaturgia greca era il ?deus ex machina? ad interdire salvifico sulle vicende di qualche scellerato, questa volta sarà una Commissione d?inchiesta a soddisfare il desiderio chiarezza del popolo lucano. Il Consiglio Regionale ha approvato all?unanimità una ?Commissione d?inchiesta? che interverrà per acquisire atti e documenti utili che si sono sviluppati intorno alla complicata odissea delle ?scorie nucleari?, di cui si è tanto parlato e contro cui si è fortemente combattuto.

In modo chiaro e trasparente si cercherà di distinguere tutto ciò che a livello politico-istituzionale è accaduto. Il Presidente della Regione, Filippo Bubbico di fronte a questo genere di proposta ha espressamente dichiarato il suo voto favorevole e quello della Giunta.

Bubbico nelle sue dichiarazioni si è dimostrato disteso e fiducioso:

“Sono convinto che la Commissione con la sua autorità contribuirà a scoraggiare deleterie tentazioni di strumentalizzazione e finalmente avremo informazioni interessanti su come sono andati i fatti >>. Il Presidente delle Regione ha tenuto inoltre a rilevare la singolarità dell?evento riconfermando la sua piena soddisfazione.
Da più parti la vicenda di Scanzano Jonico è stata definita attentato da parte di un altro organo della Repubblica.

La Commissione interverrà per fare luce chiara su fatti e misfatti spesso messi in ombra. In uno dei suoi ultimi interventi Bubbico ha affermato sicuro: << credo che la Basilicata debba avere la piena consapevolezza della singolare situazione nella quale ci siamo trovati ad agire. Noi abbiamo subito un attentato al nostro futuro ma siamo riusciti a vincere una dura battaglia utilizzando i giusti argomenti e i giusti mezzi. Costruendo alleanze, abbiamo determinato una condizione per cui sarebbe stato piuttosto complicato non riconoscere l?illegittimità dell?atto che il Governo stesso aveva proposto al Parlamento affinché fosse convertito in legge -e aggiunge ancora- deve essere chiaro tutto questo, perché la Commissione d?inchiesta deve riguardare le motivazioni che hanno indotto un governo della Repubblica a decidere di non rispettare le regole che si è dato”.

Anche Di Sanza si è dimostrato favorevole e molto contento. Ha definito costruttivo l?atteggiamento tenuto dell?Assemblea Regionale in aula in relazione alla proposta di una Commissione d?inchiesta sulla vicenda delle scorie nucleari.

La speranza del capogruppo di Forza Italia è che gli Enti interessati si mettano a completa disposizione al fine di favorire la costruzione di verità reali evitando che se ne diffondano tante e poco attendibili. Di Sanza infine ha aggiunto: “è uno lo spirito trasparente e unitario che dovrà accompagnare i lavori della Commissione. Solo in questo modo, potremo offrire la giusta rilevanza e riconoscenza alla battaglia che il popolo lucano ha sostenuto nei giorni caldi della protesta”.

Il popolo lucano in tutta questa storia si è fatto sentire, ha più volte evidenziato il forte senso d?appartenenza alla Basilica difendendola e impedendo che fosse considerata terra di pochi pastori come più volte è stata definita da chi nell?ignoranza non ha mia avuto la fortuna di confrontarsi con una regione ricca di valori, cultura ma soprattutto gente meno ignorante di quello che erroneamente si crede.

Il popolo lucano ha urlato, ha occupato strade, ha fatto sentire la sua disapprovazione, ha imposto che la sua terra non fosse toccata ne contaminata.
Tanto clamore alla fine è servito, qualche presa di coscienza c?è stata su decisioni assunte a suo danno e per assurdo in piena contraddizione con le norme nazionali europee.

0 Comments

Leave a reply

associazione - progetto - collabora - identificati - note legali - privacy - contatti

Associazione Lucanianet.it c/o Broxlab Business Center | P.zza V. Emanuele II, 10 | 85100 Potenza tel.+39 0971.1931154 | fax +39 0971.37529 | Centralino Broxlab +39 0971.1930803 | ­www.lucanianet.it | info@lucanianet.it Testata Giornalistica registrata al tribunale di Potenza n° 302 del 19/12/2002 | ­C.F. 96037550769 Invia un tuo contributo tramite bonifico bancario alle seguenti coordinate IBAN : IT 31 E 08784 04200 010000020080

Log in with your credentials

Forgot your details?