Attraverso Acquedotto Lucano si riuscirà a portare in regione la titolarità del servizio idrico e a garantire la fornitura di acqua in tutti i comuni per 24 ore al giorno

Che le genti lucane fossero in grado di distinguersi per il loro talento e per la loro capacità di raggiungere traguardi significativi non rappresenta certo né una novità né un motivo di particolare stupore. La curiosità è, invece, che a tesserne le lodi sia questa volta lo stesso Presidente della Regione Basilicata, Filippo Bubbico, che nel corso del suo intervento tenutosi martedì a Potenza, in occasione dell’assemblea dei soci di Acquedotto Lucano spa, ha ribadito come  “i comuni della Basilicata hanno dimostrato di saper fare cose importanti in poco tempo“. In particolare il Presidente Bubbico si riferiva allo stesso Acquedotto Lucano che, secondo le sue parole, “è una di queste, ed è certamente una delle più significative, attraverso la quale si realizza concretamente il sogno lucano dell’ultimo cinquantennio: portare la titolarità del servizio idrico integrato ad una azienda dei nostri comuni“.

Al di là delle semplici rivendicazioni campanilistiche, che pure avrebbero un senso se rapportate alla realtà della gestione della risorsa acqua storicamente in mano ad organismi che hanno sede anche al di fuori dei nostri confini regionali, l’obiettivo sembra essere quello di “valorizzare le opportunità che scaturiscono” o che scaturiranno “per l’economia ed assicurare ai cittadini un servizio efficiente a costi sostenibili“. Per Bubbico si sono in pratica poste “le condizioni per l’affidamento del servizio idrico integrato” nelle mani di un’azienda lucana (tra l’altro una delle condizioni richieste dall’Unione Europea per ottenere la premialità) grazie anche al contributo venuto dal “recepimento della Legge Galli (che regolamenta il servizio idrico in Italia) e degli adempimenti conseguenti, fino alla costituzione dell’ATO (Ambito Territoriale Ottimale)”, nonché per merito della “puntuale definizione del Piano d’Ambito e della tariffa per il servizio idrico” e soprattutto grazie “alla costituzione di Acquedotto Lucano spa”. Secondo il Governatore, la Basilicata ha saputo rispettare gli standard di efficienza e di efficacia che erano richiesti tanto che “ad oggi, dopo l’Accordo di Programma Quadro con il Ministero dell’Ambiente, nei nostri comuni saranno effettuati investimenti per 260 milioni di euro per migliorare le reti di distribuzione e portare l’acqua in tutti i paesi per 24 ore al giorno“, il tutto senza gravare sulla tariffa del servizio idrico.

In questo senso fondamentale sarà il contributo del Ministero dell’Ambiente che, con l’obiettivo di garantire agli italiani “acqua abbondante e pulita dal rubinetto“, si sta impegnando concretamente nella realizzazione di un grande piano per le acque con risorse che ammontano a più di 10 miliardi di euro nel cui ambito si situano gli 11 Accordi di Programma Quadro firmati, dal dicembre scorso ad oggi, dal Ministero stesso con altrettanti regioni tra cui, appunto, la Basilicata.

Rivolgendosi poi ai soci di Acquedotto Lucano Bubbico ha dichiarato che “si tratta di un primo risultato, reso possibile anche dalla rapidità con la quale state costruendo la vostra azienda” i cui frutti potranno essere maggiormente apprezzati “con l’esito, speriamo molto vicino, della complessa trattativa in corso con la regione Puglia per riunificare in capo ad Acquedotto Lucano la gestione del servizio idrico in Basilicata anche attraverso il trasferimento del ramo d’azienda lucano dell’Acquedotto Pugliese“.

Intanto si mantiene caldo il fronte della protesta ad opera dei dipendenti dell’Ente Irrigazione che, sembra doveroso ricordare, non percepiscono lo stipendio da ben 8 mesi. E’ annunciata infatti per domani 1° Maggio, in occasione della festa dei lavoratori, una manifestazione presso la Diga del Pertusillo in Val D’Agri alla quale, oltre che gli stessi lavoratori, prenderanno parte le varie associazioni sindacali e alcuni sindaci dei comuni limitrofi.

0 Comments

Leave a reply

associazione - progetto - collabora - identificati - note legali - privacy - contatti

Associazione Lucanianet.it c/o Broxlab Business Center | P.zza V. Emanuele II, 10 | 85100 Potenza tel.+39 0971.1931154 | fax +39 0971.37529 | Centralino Broxlab +39 0971.1930803 | ­www.lucanianet.it | info@lucanianet.it Testata Giornalistica registrata al tribunale di Potenza n° 302 del 19/12/2002 | ­C.F. 96037550769 Invia un tuo contributo tramite bonifico bancario alle seguenti coordinate IBAN : IT 31 E 08784 04200 010000020080

Log in with your credentials

Forgot your details?