Facciata del Santuario della Madonna del PantanoLa
piccola chiesa, un tempo cappella di campagna, è ormai inglobata nel nucleo
rurale e ne costituisce il fulcro.

Si tratta di una costruzione realizzata alla fine del XVIII secolo in
forme semplici, ad unica navata, su una preesistente cappella di origini
molto più antiche; infatti, notizie storiche documentano l’esistenza di
un insediamento di monaci basiliani nell’area riferibile al IX secolo.

La leggenda, invece, fa risalire l’origine del santuario al ritrovamento
sul posto di una statua della Madonna ad opera di un pastore che in sogno
aveva ricevuto le indicazione sul luogo esatto del nascondiglio.
La festa, celebrata la terza domenica di Maggio, si caratterizza
per essere l’unica processione che inverte la tradizione dei santuari
mariani di traslare in pritnavera la statua della Madonna dal centro abitato
al santuario in montagna, in sincronia con la transumanza estiva delle
mandrie; nel caso della Madonna del Pantano la statua viene trasportata,
invece, dalla chiesetta del Pantano, situata nella piana, alla chiesa
madre di Pignola che assume,
in questo caso, la funzione di cappella di montagna.

In occasione della festa, la sera Statua posta sulla facciata del Santuario della Madonna del Pantanoprecedente;
si svolge nel centro di Pignola la tradizionale processione detta della
“Uglia”; un tronetto di stoffa a forma di guglia con l’immagine
dipinta della Madonna viene portato in processione per le vie del paese
accompagnato dalla banda e da gruppi di giovani.

Per sbarrare il passo al corteo, nei vicoli più stretti vengono accesi
dei grandi falò di ginestre, la cosiddetta “fanoia”,
forse a simboleggiare la lotta tra il bene ed il male, forse per trattenere
più a lungo l’effigie della Mdonna nel rione ed invocarne la protezione.

I giovani che portano a spalla la “Uglia” inscenano ripetuti
tentativi di lanciarsi tra le fiamme dandosi coraggio con abbondanti
sorsi di vino
.

Quando il fuoco si esaurice la processione procede attraversano le braci
e prosegue fino ad incontrare il successivo sbarramento con il quale cimentarsi.

0 Comments

Leave a reply

associazione - progetto - collabora - identificati - note legali - privacy - contatti

Associazione Lucanianet.it c/o Broxlab Business Center | P.zza V. Emanuele II, 10 | 85100 Potenza tel.+39 0971.1931154 | fax +39 0971.37529 | Centralino Broxlab +39 0971.1930803 | ­www.lucanianet.it | info@lucanianet.it Testata Giornalistica registrata al tribunale di Potenza n° 302 del 19/12/2002 | ­C.F. 96037550769 Invia un tuo contributo tramite bonifico bancario alle seguenti coordinate IBAN : IT 31 E 08784 04200 010000020080

Log in with your credentials

Forgot your details?