Soffia dalle imposte un freddo gelido; mentre fuori i fiocchi di neve, cullati dal vento, sembrano esibire una danza macabra.

Era già buio quando Iana si affacciò dietro i vetri della finestra; in altri momenti avrebbe gioito nel vedere tanta neve, sembrava un manto imperiale steso, ricamato dalle orme dei passanti.
Lo sguardo assente fissava il cielo cupo; la mente sua vagava in cerca di ricordi; – dove sei?- sussurrava guardando nel vuoto, – guardami, sono qui!- Mentre il rumore del silenzio cominciò a farsi sentire. -Su, rispondimi, parla, di qualcosa!- E in attesa di risposta si struggeva la mente stanca, mentre fuori la neve era già alta. –Chi cerco? Forse la Iana del tempo? Ma in quel tempo che fu, chi fui? Chissà quante Iana ebbero ad abitare il mio corpo; e la mia mente? La mia mente che cerca ora nella realtà presente chi è, di chi è stata? Forse il ricordo di una delle precedenti: Iana, Maria, Laura, o Claudio… chissà chi sarò ancora, ma tu ancora non rispondi; oh, se sapessi!
Come vorrei poter tanto seguire il tuo consiglio, farti difensore della mia perduta causa, mia silenziosa Iana; oh! Scusami ti ho chiamato Iana, ma… dimmi, tu, quale ricordo porti del passato? Di Laura, Maria, Giovanni, o… niente dimenticavo, tu non parli… come dici? …Niente! Ma troverò vedrai un giorno una risposta a questo tuo ostinato silenzio, troverò vedrai colei che da tempo cerco, saprò io un giorno darti una risposta… una risposta dico? Ma, a chi? Se non so nemmeno a chi appartieni?

0 Comments

Leave a reply

©2024 Associazione Promozione Sociale Lucanianet.it - Discesa San Gerardo 23/25 85100 Potenza CF 96037550769 info@lucanianet.it