Anche quest’anno si spara dal primo settembre

Nonostante gli apprezzamenti sulla proposta di calendario venatorio della Giunta Regionale espressi dal WWF e da altre associazioni ambientaliste, che avevano rilevato la correttezza e la conformità della stessa alla normativa vigente sulla caccia che prevede l’apertura  della stagione venatoria il 15 settembre, la Regione, con D.P.G.R. n. 147 del 10.07.2002, ha previsto l’apertura anticipata  al 1° settembre.

Così la Regione Basilicata  perde immediatamente la “maglia verde” assegnata dal WWF Italia  e che l’aveva distinta in campo nazionale come la regione più attenta alle esigenze della tutela della fauna selvatica e delle produzioni agricole.

L’apertura anticipata infatti rischia di infierire un duro colpo alla fauna selvatica affaticata ormai sempre più dagli inverni particolarmente rigidi e dalle estati estremamente calde, situazione che avrebbe richiesto una maggiore attenzione alle suddette esigenze di tutela, considerando inoltre che settembre è un periodo critico per gli animali in quanto la maggior parte delle nascite avviene proprio al termine dell’estate.

Le ostilità contro la fauna selvatica non escludono il ricorso al TAR da parte del WWF che, tra l’altro, da anni si batte anche contro il ripopolamento da pronta caccia che, a fronte di enormi investimenti, crea solo facili prede per i cacciatori perdendo completamente di vista il vero obiettivo del ripopolamento     e cioè consentire che almeno un certo numero di animali si ambientino per aumentare in maniera stabile il patrimonio faunistico della regione.

0 Comments

Leave a reply

©2024 Associazione Promozione Sociale Lucanianet.it - Discesa San Gerardo 23/25 85100 Potenza CF 96037550769 info@lucanianet.it