“Cinema al Museo”, la retrospettiva del regista svizzero Alain Tanner, continua martedì 23 LUGLIO, alle 21, al Museo Provinciale (nel cortile) nel Polo della cultura di rione Santa Maria a Potenza.
Nel caso di maltempo la proiezione si terrà nel vicino Cinema Don Minozzi,  presso l’Istituto Principe di Piemonte.

Dieci lungometraggi in pellicola in versione originale (francese), sottotitolati in italiano che la Provincia di Potenza propone in collaborazione con il Consolato generale di Svizzera, Pro-Helvetia e il Centro Culturale svizzero di Milano.

Il quinto film in rassegna è:
REQUIEM
(t.I.: Requiem)
Regia: Alain Tanner; sceneggiatura: dal romanzo di Antonio Tabucchi, adattamento e dialoghi Alain Tanner e Bernard Comment con la collaborazione dell’autore;  fotografia: Hugues Ryffel; musica: Michel Wintsch; montaggio: Monika Goux ; interpreti: Francis Frappat, André Marcon, Myriam Szabo, Canto e Castro, Lia Gama, Zita Duarte; produzione: Filmograph Ginevra, CAB Productions SA Losanna, Gemini Films Parigi, Madragoa Filmes Lisbona.
Svizzera-Francia-Portogallo, 1998, colore, 95′

“La retrospettiva sul regista svizzero – ha detto il Presidente della Provincia di Potenza Vito Santarsiero – si inserisce nell’ambito di una serie di rapporti avviati dalla Provincia di Potenza con altri Paesi Europei e del Mediterraneo. L’idea di portare la rassegna dedicata al maggior regista svizzero, nel capoluogo lucano, una delle cinque città italiane scelte per questa manifestazione itinerante, è nata dopo la venuta a Potenza del Console generale di Svizzera Ferruccio Beltrametti che in quell’occasione ha avuto modo di visitare il Polo della Cultura di rione Santa Maria ed apprezzarne la vivacità ed i fermenti”.


Domenico Lucchini è stato dal 1984 al 1987 responsabile della promozione del cinema svizzero a Berna, presso l’Ufficio Federale della Cultura e dal 1989 al 2001 addetto culturale del Comune di Chiasso e direttore artistico del Cinema Teatro. Studioso di cinema, da sempre impegnato nell’ambito della promozione culturale, ha diretto dal 1990 al 1997 il film-festival per ragazzi di Bellinzona e dal 1994 al 2001 l’Associazione europea del film per l’infanzia e la gioventù. Da ottobre 2001 ha assunto la responsabilità del Css -Centro Culturale svizzero, antenna per l’Italia della Fondazione Svizzera per la Cultura – Pro Helvetia.


 

ALAIN TANNER è considerato il padre del nuovo cinema svizzero ma i suoi film hanno spesso superato gli angusti limiti e le frontiere del territorio elvetico per avventurarsi ad indagare l’intera società post-industraile.

Alain Tanner è nato a Ginevra nel 1929. Dopo gli studi in Economia, a 26 anni si trasferisce a Londra ed entra in contatto con il free cinema inglese che  lo influenzerà profondamente. Al ritorno in Svizzera fonda con Goretta, Roy, Soutter e Lagrange il “Group 5” siglando l’atto di nascita del nuovo cinema elvetico. Nel ’69 realizza il primo lungometraggio “Charles morto o vivo”. Tanner è il primo regista svizzero che si dedica ad un cinema di denuncia e contestazione nei confronti del conformismo imperante e che l’ipocrisia sociale tende a nascondere.

“Come filmare la Svizzera? A prima vista è impossibile. Bisogna strappare i dieci veli che nascondono la realtà – dice lo stesso Alain Tanner, nel testo introduttivo del film “La Salamandre” del 1971 – Guardare non basta, quindi niente psicologia, niente movimenti di macchina che scivolano all’interno delle cose vere: si cadrebbe nel vuoto. Per altro il cinema è l’arte del reale. Ciò non dovrebbe necessariamente significare che il cinema è vita. Al contrario: più al cinema le cose sono vere , più sono false e dunque, più sono false e più sono vere. Allora mescoliamo il vero e il falso, i generi, le tonalità. Ci avviciniamo ad una soluzione per filmare la Svizzera dietro i veli. Alla distanza, i contrasti e le contraddizioni appaiono meglio. L’incongruenza e l’ironia diventeranno delle armi. Ma l’ironia segna pure i limiti del nostro potere. Bisogna tentare di superarla”.

Le immagini della retrospettiva del regista svizzero Alain Tanner e le schede dei film sono on-line sul sito della Provincia di Potenza: www.provincia.potenza.it.

0 Comments

Leave a reply

associazione - progetto - collabora - identificati - note legali - privacy - contatti

Associazione Lucanianet.it c/o Broxlab Business Center | P.zza V. Emanuele II, 10 | 85100 Potenza tel.+39 0971.1931154 | fax +39 0971.37529 | Centralino Broxlab +39 0971.1930803 | ­www.lucanianet.it | info@lucanianet.it Testata Giornalistica registrata al tribunale di Potenza n° 302 del 19/12/2002 | ­C.F. 96037550769 Invia un tuo contributo tramite bonifico bancario alle seguenti coordinate IBAN : IT 31 E 08784 04200 010000020080

Log in with your credentials

Forgot your details?