Il Consiglio Comunale di Potenza, tornato a riunirsi ieri sera ha approvato all’unanimità, dopo una lunga discussione, il Progetto Integrato di Sviluppo Urbano della città di Potenza  inserito nel Programma Operativo Regionale Basilicata 2000/2006.

Il Consiglio ha pure approvato a maggioranza, con l’astensione del Polo delle Libertà e del Gruppo Misto, altre due delibere: il progetto esecutivo del collegamento meccanizzato Rione Mancusi- Porta San Giovanni (non erano giunte agli uffici opposizioni da parte dei cittadini nei tempi stabiliti per legge) e la variante allo strumento urbanistico vigente per la realizzazione del collegamento Via Messina-Via Siracusa.

La prima delibera giunge in Consiglio  a poco più di un anno dalla sottoscrizione del Protocollo d’Intesa da parte dei vertici istituzionali della Regione Basilicata e della Città di Potenza.

Le linee di intervento del POR sono articolate -ha spiegato l’assessore ai Lavori Pubblici, Pasquale Lamonica- su sei Assi: i primi tre sono finalizzati a valorizzare, rispettivamente, le risorse naturali, quelle culturali e quelle umane presenti nella nostra Regione; il quarto è teso a potenziare i sistemi locali di sviluppo, il quinto è quello denominato Asse Città, l’ultimo è mirato al potenziamento delle reti e dei nodi di servizio.

L’idea forte del PISU (programma integrato sviluppo urbano) per il quale è previsto un investimento di circa 50 milioni di Euro, nasce da alcuni fattori fondamentali:

  • Il capoluogo, pur ponendosi ai vertici della gerarchia dei centri urbani, non è ancora del tutto dotato di quelle funzioni urbane di rango superiore che scaturiscono dalla possibilità di fornire servizi innovativi e, comunque, di tipo elevato;
  • Le trasformazioni, pur profonde, intervenute nella struttura sociale e produttiva della Città e della Regione, non sono state, tuttavia, in grado di rafforzare adeguatamente le armature urbane;
  • Le dinamiche socio-economiche, verificatesi in Basilicata negli ultimi anni, hanno determinato un significativo mutamento nelle direttrici dello sviluppo. La Fiat a Melfi, il petrolio in Val d’Agri, il polo del salotto nel Materano, le prospettive turistiche nel Pollino, nella costa Marateota ed in quella Ionica, hanno, infatti, impoverito il comprensorio territoriale di Potenza;
  • Il ridimensionamento della capacità terziaria nel capoluogo è stato ulteriormente accentuato dalla ristrutturazione organizzativa di numerosi uffici e servizi pubblici che hanno lasciato la città.

Il PISU della Città di Potenza si configura come uno strumento integrato di carattere plurisettoriale e prevede:

  • Il miglioramento del sistema delle relazioni esterne e della mobilità interna del centro urbano, riducendone la congestione e l’inquinamento;
  • La riqualificazione e rifunzionalizzazione del tessuto edilizio urbano, con particolare attenzione al centro storico;
  • L’offerta all’intera utenza regionale di servizi pubblici di qualità elevata;
  • Il soddisfacimento dei bisogni sociali di base e l’innalzamento dell’offerta culturale;
  • L’abbattimento dei fattori di possibile contaminazione ambientale e la valorizzazione delle “evidenze” ora depresse;
  • Il rilancio ed il sostegno del sistema economico locale, contribuendo allo sviluppo dell’occupazione e favorendo lo spirito imprenditoriale;
  • L’accrescimento del nesso polifunzionale tra zone rurali e centro urbano, agevolando la permanenza della popolazione nelle campagne.
0 Comments

Leave a reply

associazione - progetto - collabora - identificati - note legali - privacy - contatti

Associazione Lucanianet.it c/o Broxlab Business Center | P.zza V. Emanuele II, 10 | 85100 Potenza tel.+39 0971.1931154 | fax +39 0971.37529 | Centralino Broxlab +39 0971.1930803 | ­www.lucanianet.it | info@lucanianet.it Testata Giornalistica registrata al tribunale di Potenza n° 302 del 19/12/2002 | ­C.F. 96037550769 Invia un tuo contributo tramite bonifico bancario alle seguenti coordinate IBAN : IT 31 E 08784 04200 010000020080

Log in with your credentials

Forgot your details?