“La Società Speleologica Italiana”. Intervista al Prof. Giovanni Badino (Presidente Società Speleologica Italiana dal 1994 al 2000)

Prof. Badino può descriverci, brevemente, la storia dell’Associazione che raggruppa Speleologi e Associazioni Speleologiche Italiane, ovvero la Società Speleologica Italiana di cui Lei è stato Presidente per circa un decennio?

“La Società Speleologica Italiana nasce nel 1950. Essa svolge l’importante azione organizzativa e scientifica degli enti ed istituti che l’ hanno preceduta (Società Speleologica Italiana del 1903 e Istituto Italiano di Speleologia del 1927, Centro Speleologico Italiano del Tourig Club nel 1945). La SSI raccoglie la maggior parte dei gruppi speleologici italiani, che rappresentano l’ossatura della militanza esplorativa, e un numero sempre crescente di singoli appassionati della materia , sia speleologi che non. La SSI è membro dell’Union International of Speleology, una struttura internazionale nella quale confluiscono rappresentanti delle varie federazioni nazionali. All’interno della Società operano diverse commissioni e gruppi di lavoro, dalla didattica alla speleologia subacquea, dalla speleologia in cavità artificiali alla tutela delle aree di interesse speleologico.”

Prof. Badino, ma gli scopi istituzionali della Società Speleologica Italiana come possono essere descritti ad un pubblico non specifico del settore speleologico?

“La Società Speleologica Italiana rappresenta la speleologia italiana all’estero; pubblica la Rivista semestrale “Speleologia” , “l’International Jurnal of Speleology”, “Le Grotte d’Italia”; pubblica opere divulgative e scientifiche, esplorative e fotografiche, di settore e geografiche; cura il Catasto Nazionale delle cavità, che rappre-senta una struttura di eccezionale valore nella cono-scenza del territorio; cura, in collaborazione con l’Istituto Italiano di Speleologia dell’Università di Bologna, una preziosa e completa biblioteca di carattere speleologico, con dati bibliografici informatizzati e di facile consultazione; organizza congressi nazionali ed internazionali; organizza, in collaborazione con altre strutture, incontri nazionali ed internazionali di speleologia; offre la possibilità di una copertura assicurativa nei vari settori (escursioni, corsi, forme, speleologia subacquea, ecc); fornirà in tempi brevi un accesso E-Mail (posta elettronica) a tutti i suoi soci.”

Un’ultima domanda prima di concludere: cosa vuol dire essere soci della Società Speleologica Italiana, quali i vantaggi, quali i doveri?

“Essere soci della società speleologica Italiana significa avere accesso a copertura assicurativa per l’attività speleologica a costi bassissimi. Significa avere diritto a sconti sull’acquisto di pubblicazioni e sull’abbonamento a riviste straniere (Spelunca, International Caver). Significa avere accesso a informazioni, situazioni, possibilità di incontri, esperienze uniche; Significa accedere ai corsi di II e III livello della Società Speleologica Italiana a prezzi vantaggiosi; Significa contribuire realmente alla crescita della spe-leologia italiana e al miglioramento continuo dei servizi della struttura nazionale. La Società Speleologica Italiana è presente su Internet. Il dovere degli speleologi soci della SSI: contribuire a farla crescere sia a livello internazionale che nazionale partecipando attivamente alla vita della società.”


Chi è il Prof. Giovanni Badino
. E’ nato a Savona nel 1953. È ricercatore all’Istituto di Fisica Generale dell’Università di Torino, occupandosi soprattutto di fisica dei raggi cosmici e di fisica del clima sotterraneo. Dal 1970 svolge atti-vità speleologica ai massimi livelli tecnici e scientifici, in Italia e nel mondo (Brasile, Asia centrale, Argentina, Svalbard, Pakistan, Polo sud). È considerato uno dei più completi speleologi in attività e fra i mag-giori esperti del mondo di glaciospeleologia. Dal 1994 al 2000 presidente della Società Speleologica Italiana, e dal ’74 tecnico del Soccorso Alpino e Speleologico, per il quale ha realizzato fondamentali innovazioni tecniche ed operative. Ha scritto vari libri e numerosi lavori scientifici.

0 Comments

Leave a reply

associazione - progetto - collabora - identificati - note legali - privacy - contatti

Associazione Lucanianet.it c/o Broxlab Business Center | P.zza V. Emanuele II, 10 | 85100 Potenza tel.+39 0971.1931154 | fax +39 0971.37529 | Centralino Broxlab +39 0971.1930803 | ­www.lucanianet.it | info@lucanianet.it Testata Giornalistica registrata al tribunale di Potenza n° 302 del 19/12/2002 | ­C.F. 96037550769 Invia un tuo contributo tramite bonifico bancario alle seguenti coordinate IBAN : IT 31 E 08784 04200 010000020080

Log in with your credentials

Forgot your details?