I consiglieri comunali  della “Casa delle Libertà” hanno depositato in Segreteria Generale il testo referendario da sottoporre al giudizio di ammissibilità  ad opera del preposto organo di controllo, relativo all’affidamento del servizio idrico all’Acquedotto Pugliese così come deciso dal Consiglio Comunale di Potenza nei mesi scorsi.

In pratica, visti gli articoli 38 e 41 dello Statuto Comunale che prevedono la facoltà di proporre lo strumento del referendum abrogativo, i consiglieri  del Polo hanno proposto il seguente quesito:

SIETE VOI FAVOREVOLI PERCHE’ SI REVOCHI LA DELIBERA DEL CONSIGLIO COMUNALE DI POTENZA N.170 APPROVATA IN DATA 20/12/2001 AVENTE AD OGGETO “Affidamento all’Acquedotto Pugliese  S.p.A. della gestione del servizio idrico integrato nella Città di Potenza, nelle more dell’individuazione, da parte dell’autorità d’ambito territoriale ottimale per la Basilicata, del soggetto gestore unico. Indirizzi in merito all’intesa preliminare Comune-AQP- A.T.O.”?

Con il referendum abrogativo, previa ammissibilità del testo -hanno detto i consiglieri del Polo- verrebbe a concretizzarsi la partecipazione attiva del cittadino alla vita dell’Ente così come appositamente previsto dallo Statuto Comunale.

0 Comments

Leave a reply

©2024 Associazione Promozione Sociale Lucanianet.it - Discesa San Gerardo 23/25 85100 Potenza CF 96037550769 info@lucanianet.it