La giunta regionale della Basilicata ha stanziato, nella seduta del 26 marzo scorso, 3 miliardi delle vecchie lire per bonifica di 27 siti a rischio in Regione.

I cantieri da aprire sarnno così ripartiti tra le due province: 19 nella provincia di Potenza e 8 in quella di Matera. I contributi, prelevati sui fondi POR 2000-2006, serviranno a risanare soprattutto prefabbricati, ma anche depositi comunali, scuole (I.T.I.S. di Melfi, scuola media di Rapolla), 4 vivai (Sicileo a Senise, Galdo di Marsico Vetere, Lacerasa di Filiano e Gardenia di Potenza), la stazione della F.A.L. (ferrovie appulo lucane) di Castelluccio Inferiore. Le opere di bonifica saranno portate avanti dalle P.A. competenti, ma il sostegno economico della Regione non appare superfluo. Gli interventi sono realizzati grazie a una legge regionale ( n. 27 del 1999) che consente di rimuovere il materiale cancerogeno dagli edifici pubblici. Le opere finanziate l’anno scorso furono 33 per una spesa complessiva di 5 miliardi.

La bonifica dei siti inquinati si rende necessaria a seguito della proclamata nocività del materiale, ampiamente utilizzato in passato nella costruzione di edifici pubblici. Il superiore interesse alla salute tutelato costituzionalmente lo impone. La scelta della nostra regione di insistere su questa strada non può che farci piacere.
 

0 Comments

Leave a reply

associazione - progetto - collabora - identificati - note legali - privacy - contatti

Associazione Lucanianet.it c/o Broxlab Business Center | P.zza V. Emanuele II, 10 | 85100 Potenza tel.+39 0971.1931154 | fax +39 0971.37529 | Centralino Broxlab +39 0971.1930803 | ­www.lucanianet.it | info@lucanianet.it Testata Giornalistica registrata al tribunale di Potenza n° 302 del 19/12/2002 | ­C.F. 96037550769 Invia un tuo contributo tramite bonifico bancario alle seguenti coordinate IBAN : IT 31 E 08784 04200 010000020080

Log in with your credentials

Forgot your details?